presidente

1. Il presidente di un club

Il presidente di un club

Pensando di dare un valido supporto ai tanti amici che servono il Kiwanis o lo faranno in futuro come presidenti propongo alcune semplici idee su cosa dovrebbe fare un presidente di club

Il Presidente del Club – così come tutti gli altri componenti del Consiglio Direttivo – è eletto dalla Assemblea Generale dei Soci e, quale “manager” del suo Club, dovrà costantemente distinguere quali problemi affrontare personalmente e quali invece delegare al restante management anche a costo di minore tempestività e necessità di controllo.

Il Presidente deve formulare progetti, intraprendere azioni e stimolare i soci a raggiungere con successo mete chiare e possibili.

Pertanto dovrà studiare e mettere a punto una sua formula per la guida del Consiglio Direttivo che dovrà essere una solida squadra alla quale poter delegare i vari compiti da svolgere e che nel contempo potrà essere consultata per prendere quelle decisioni che possano essere condivise da tutti i soci.

2. Il Presidente del Club deve assicurare una dinamica atmosfera nel proprio Club attraverso un reciproco scambio di informazioni. Debbono essere particolarmente curati i rapporti sociali e le azioni da svolgere insieme fra individui che talvolta hanno opinioni differenti ma che stanno insieme nel Club per il raggiungimento di comuni obiettivi in un clima di amicizia e di entusiasmo che è, in effetti, il primo motivo per esistere come “Club Service”. 

Il Presidente deve far conoscere e rispetta re il proprio Club nella comunità locale.

􏰚Ciò facendo egli potrà essere certo che tutti i soci comprendano e si convincano che si sta facendo “tutto quanto è necessario fare”.

3. Deve pertanto essere una persona di “marketing” e cioè essere costantemente informato di ciò che esiste intorno al suo Club nella società civile in modo tale che le azioni intraprese dal Kiwanis possano essere recepite. Egli deve scegliere quegli interventi e quelle azioni che trovino sicuramente la massima presa.

􏰚Il Presidente deve assicurarsi che la gente abbia un’esatta immagine del Kiwanis. 􏰚Egli deve quindi dedicarsi al Kiwanis essendo sempre disponibile. E deve essere pronto ad istruire i soci circa le finalità del Kiwanis.

Servire come Presidente di Club comporta di dover dedicare parte del proprio tempo all’adempimento dei propri compiti e ciò va fatto con gioia.

Nello svolgimento delle proprie azioni bisogna essere in grado di tenere a mente gli obiettivi del Kiwanis, le nozioni del “service” agendo con il desiderio di fare del mondo un luogo migliore ove vivere. Per questo potrà contare sull’amicizia e la solidarietà di tutti i Kiwaniani.

campana

Alla fine dell’anno sociale il Presidente, se ha ben agito, potrà

  • 􏰚ottenere il riconoscimento da parte di tutti i soci del Club di aver saputo portare “la fiaccola” del Kiwanis nel modo migliore 
  • 􏰚godere di un personale arricchimento delle proprie esperienze per tutti i contat- ti intrapresi e per tutti gli sforzi fatti per portare avanti i “service” del Kiwanis. Avendo ben operato come Presidente per tutto l’anno, dal suo comportamento avranno tratto beneficio anche la Divisione e il Distretto perché sarà stato in grado, con le sue qualità, di inserire adeguatamente il Club da lui diretto nel contesto delle attività sociali del Kiwanis. È importante che un incarico di dirigenza come quello di Presidente di un Club non venga ricoperto assegnandolo casualmente, in quanto tali funzioni comportano delle precise responsabilità per cui è necessario che la carica sia responsabilmente conferita alla persona più idonea: il Kiwanis può funzionare soltanto se tutti i Soci si assumono la propria parte di responsabilità e la scelta di un Presidente è appunto una di queste.

Il Presidente deve essere una persona che abbia esperienza di vita kiwaniana… ed essere in grado, non solo di conoscere la storia del Kiwanis, ma il funzionamento della nostra organizzazione a tutti i livelli per garantire continuità al funzionamento del Club.

A tal fine è necessario che il suo predecessore ed il suo successore siano da lui coinvolti in tale processo che egli stesso è chiamato a svolgere in tre anni consecutivi di presenza nel Consiglio Direttivo:

Il primo anno per apprendere come Presidente Eletto, il secondo per agire come Presidente, il terzo per consigliare quale Immediato past presidente

One Response

  1. Giuseppe De Michele 19 Dicembre 2018

Lascia una commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi