bimbi

La storia di Gianni

Gianni e il suo sogno

Durante gli incontri di formazione e anche ad Enna ho raccontato la mia esperienza con i ragazzini di scuola media di una classe considerata “difficile” perché composta principalmente da ragazzi provenienti da famiglia disagiate soprattutto socialmente. Ho raccontato anche di cosa a mio avviso dovrebbero fare gli insegnati, aiutare ragazzi a sognare il proprio futuro e dare loro gli strumenti per realizzarlo. Ho raccontato di Gianni (nome di fantasia), madre prostituta, padre violento e tossicodipendente e del suo sogno: “diventare socio del Kiwanis”. Tralascio l’emozione che provo ogni volta che penso a questa storia, che ha un seguito.

Come fare felice un ragazzo?

Dopo l’incontro con Gianni ho cercato di pensare come fare a realizzare il sogno di questo ragazzino. Un buon kiwaniano, difficilmente può restare sordo e inoperoso sapendo che esistono queste problematiche. Ho parlato con il professore di Gianni e insieme abbiamo deciso che la soluzione poteva essere aprire un Builder club nella scuola, proprio in quella classe, ritenuta difficile.

Siamo andati a parlare con il dirigente scolastico, che mi ha invitato sia al collegio docenti e sia al Consiglio di Istituto per illustrare il progetto. Dopo qualche settimana ho avuto la risposta, affermativa, la scuola avrebbe sponsorizzato la creazione di un builder club.

Il sogno si avvera.

Dopo le solite procedure burocratiche il builder club è stato ufficialmente aperto. Sono stati consegnati Charter e distintivi e invitati i ragazzi ad eleggere il loro presidente. La mia più grande sorpresa è stata quella di scoprire, che tutta la classe, all’unanimità, ha deciso che Gianni fosse il primo presidente. Eccolo mentre riceve il distintivo.

GianniVi lascio immaginare la grande emozione sia di Gianni e sia soprattutto mia. Un vero kiwanaino non può lasciare trascorrere un giorno senza aver fatto qualcosa per un bambino, fosse solo farlo sorridere per un momento. Se poi si riesce a realizzare il proprio sogno…….. cosa vogliamo di più?

 

Lascia una commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi