La tela di Penelope del Kiwanis

Penelope e la sua tela.

Ho letto d recente questa massima di Pauline R. Kezer :

La continuità ci dà le radici; il cambiamento ci regala i rami, lasciando a noi la volontà di estenderli e di farli crescere fino a raggiungere nuove altezze.

Mi è venuta in mente non so perché la storia di Penelope e della sua tela, che la mattina veniva filata e la sera disfatta. In questo modo la regina di Itaca guadagnava tempo sui Proci.

penelopeSe per Penelope fare e disfare la tela era quasi una necessità mi chiedo se nella nostra organizzazione fare la stessa cosa sia proficuo?

Ogni anno cambiamo presidente, Luogotenente, governatore ecc. Si tratta di regole democratiche che accetto volentieri, ma il problema è un altro? E’ necessario ogni hanno reinventare la ruota? Disfare ciò che di buono si è fatto e sicuramente anche il peggiore degli officer qualcosa di buono avrà fatto, e ricominciare da zero?

Perché ci comportiamo come Penelope e poi ci lamentiamo che non facciamo progressi? Perché invece di costruire e focalizzare le nostre energie a costruire e migliorare quanto precedentemente si è fatto ci concentriamo a disfare il passato e ricominciare daccapo?

Certamente il cambiamento è necessario ma senza le radici del passato i nostri progetti non hanno linfa per crescere. Come diceva Pauline R. Kezer la continuità ci da le radici per crescere. Prendiamo quindi ciò che di buono ogni hanno ci da e costruiamo sulle basi esistenti. Se un chairman è valido non va sostituito solo perché amico del precedente officer, se un progetto ha funzionato non cancelliamolo solo perché lo aveva proposto un altro. Facciamo tesoro di quanto è stato fatto e invece di tagliare le radici fortifichiamoci e produciamo rami e foglie.

La storia di Penelope sarà anche bella ma fare come lei a noi non serve.

Tela sottile, tela grande, immensa,
A oprar si mise, […] Intanto,
Finchè il giorno splendea, tessea la tela
Superba; e poi la distessea la notte
Al complice chiaror di mute faci.
Così un triennio la sua frode ascose,
E deluse gli Achei. […]

 

Commenti

  1. Lipari Rosario 11 Giugno 2018
  2. maria pia D'acunto tedesco 10 Giugno 2018

Lascia una commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi