iplan

I-PLAN QUESTO SCONOSCIUTO

Da qualche tempo si parla di I-Plan ma cosa sia in effetti sono pochi a saperlo e soprattutto a metterlo in pratica. Eppure si tratta di uno strumento utilissimo per programmare la vita di un club e/o di un distretto, senza perdersi in mille chiacchiere e attività che spesso con il Kiwanis hanno poco da condividere e che soddisfano più chi li fa che i destinatari dell’iniziativa.

I-Plan è il piano strategico messo a punto dal Kiwanis International affinché tutti possano raggiungere gli stessi obiettivi, che poi sarebbe dare un senso concreto al nostro motto”Servire i bambini del mondo“. Questo non significa che ogni Distretto e/o Club non abbia la sua autonomia, significa solo che l’obiettivo è comune e che ognuno sceglie il mezzo più idoneo per raggiungerlo.

Ogni organizzazione che si rispetti ha un piano strategico, quindi era necessario che anche il Kiwanis si dotasse di uno strumento idoneo, appunto I-PLAN.

La “I” di I-PLAN indica le quattro macro aree individuate dal Kiwanis sulle quali è necessario concentrare i nostri sforzi: Ispirazione, Impatto, Immagine, Investimento

Per ogni macro area il Kiwanis ha individuato degli obiettivi primari e ogni Distretto e/o club dovrebbe pianificare le proprie attività, in modo autonomo, affinché gli obiettivi comuni siano raggiunti. 

Purtroppo tutte le risorse messe a disposizione dal Kiwanis International sono in inglese, però io proverò a tradurle e a metterle on line affinché ogni club possa pianificare e programmare cosa fare.

Fondamentale per poter fare una efficace programmazione è analizzare la realtà che ci circonda, la città, il quartiere, la provincia, ecc. A tal fine il Kiwanis propone l’analisi SWOT, una delle più note, ma volendo si possono utilizzare anche altri strumenti analoghi e ugualmente efficaci.

Il nome SWOT è un acronimo inglese, che tradotto in italiano vuol dire: vedere i punti di forza, quelli di debolezza, le opportunità e le minacce. (Strength-Forza, Weak-Debolezza, Opportunity-Opportunità, Threat-Minaccia). 

I punti di forza e le debolezze riguardano la struttura interna del club, le opportunità e le minacce l’ambiente in cui il club vive. On line si trovano centinaia di articoli su come fare una corretta analisi SWOT.

Nel prossimo articolo parleremo degli obiettivi scelti dal Kiwanis per ogni “I” 

 

Lascia una commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi